STUDIO DI PSICOLOGIA E PSICOTERAPIA ROMA
Per fissare un appuntamento: 328.0333877 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Primo colloquio gratuito


  • "Mi piace come ascolti, fai venir voglia di parlare." Gianrico Carofiglio

  • "L'amore non vuole avere, vuole soltanto amare." Hermann Hesse

  • "Non è forte colui che non cade mai, ma colui che cadendo si rialza." Goehte

  • "Anche se il timore avrà sempre più argomenti, tu scegli la speranza." Seneca

Passione, Talento, Vocazione ed Hobby: Aspetti Individuali che Riempiono la Vita

La parola vocazione deriva dal latino vocare, cioè chiamare, e questa a sua volta trae origine dal termine vox, vale a dire voce. Una vocazione, dunque, indica una predisposizione naturale, una “voce interiore” per l’appunto, che conduce una persona ad interessarsi ad un’attività o ad una serie di attività specifiche.
talento-psicologo-romaLa parola talento, invece, deriva dal termine greco tàlanton, dove nell’antica Grecia dapprima indicava “l’inclinazione dei piatti della bilancia” e che poi nel corso dei secoli ha acquisito il senso figurativo di inclinazione, ovvero di propensione e abilità naturale verso una determinata attività. La parola hobby, invece, deriva dall’inglese hobyn, termine con il quale nel 1400 si indicava un piccolo cavallo di razza irlandese. In seguito, con il termine hobby horse (ovvero piccolo cavallo) ci si riferiva ad un piacevole giocattolo costituito da un bastone che aveva il pomello proprio a forma di cavallo. E da ciò, successivamente, con l’abbreviazione di hobby si è passati ad indicare “un passatempo preferito”, cioè un’attività ricreativa a cui ci si lega fortemente. Ed infine, la parola passione vede riferirsi nel suo significato estensivo ad una forte tendenza per qualcosa, ad un intenso interesse verso uno specifico campo. Come si vede, dunque, al di là delle sfumature di significato, le numerose vocazioni, gli hobby, i talenti o le variegate passioni esprimono tutte un sotteso elemento psicologico comune: vale a dire un interesse che coinvolge con vigore l’intera personalità di un individuo, e che anche in tal modo riesce ad acquisire una sua specifica identità caratteriale.
 
Le inclinazioni naturali, dunque, possono essere di vario genere e natura: ad esempio, vi sono quelle di tipo artistico-creativo come la pittura, il disegno, la scultura, la fotografia, la scrittura, il costruire, l’intarsiare il legno, la musica, la danza, la recitazione, il canto; oppure quelle che riguardano specifiche attività ricreative o sportive come ad esempio il galoppo, la pesca, la vicinanza agli animali, il collezionare oggetti, la vela, il nuoto; oppure quelle che attivano interessi specifici come la lettura, lo studio di una particolare materia sia essa scientifica che umanistica, la visione dei film, il piacere per la natura o per l’arte.
 
Sin dai primi anni di vita, si possono gradualmente scorgere nei bambini queste naturali predisposizioni. Difatti, c’è chi sin dalla più tenera età riesce a cavalcare con maestria e sicurezza un cavallo, oppure maneggiare con soddisfazione una macchina fotografica o un computer, leggere con interesse i giornali, utilizzare con vivo piacere i colori, suonare, danzare, recitare o cantare con particolare bravura, calciare con destrezza un pallone oppure manipolare con molta cura i motori delle macchine. Come si vede, le inclinazioni naturali possono riguardare qualsiasi campo dell’esistenza e tutte, qualunque esse siano, hanno pari dignità psicologica. Va ben specificato, inoltre, come un talento, una passione, una vocazione oppure un hobby siano sempre elementi soggettivi ed individuali. Difatti, la famiglia o l’ambiente esterno certamente possono influire nella possibilità di coltivare ed assecondare una passione; ma la propensione naturale verso uno specifico campo d’interesse è sempre un elemento psichico presente sin dalla nascita e che trova origine, dunque, nella soggettività di una persona. A bene vedere, quindi, per quanto riguarda le inclinazioni naturali si può parlare di una sorta di “innatismo psichico” presente in ognuno di noi, che si manifesta anche nella presenza di specifiche propensioni che ci rendono unici e differenti dagli altri. Durante il corso della vita, vi sono persone che riescono a coltivare e nutrire con una certa completezza la propria passione, riuscendo ad esempio a farla diventare oggetto del proprio lavoro professionale. Alcune altre, invece, possono realizzarsi lavorativamente in campi differenti rispetto alle passioni personali, mostrando al contempo, però, vivo interesse per una propria inclinazione naturale. Comunque, va sottolineato come in qualsiasi fase dell’esistenza si possano scoprire oppure riscoprire le proprie inclinazioni ed i propri interessi personali
passione-psicologo-romaDa un punto di vista psicologico, coltivare ed assecondare una inclinazione naturale si rivela sempre di fondamentale importanza ed utilità: difatti, dare ascolto ad una propria passione consente di riconosce esistenza al nostro “mondo interno”, cioè alla nostra stessa psiche, riconoscimento quanto mai utile per riuscire a trovare quel giusto equilibrio tra gli aspetti più esterni, materiali, con quelli più interni, psicologici, della nostra vita. L’apertura a questo mondo interno, quindi, può condurre ad una personalità più autentica, cioè più soggettiva e più vicina ai nostri tratti caratteriali specifici. Inoltre, aprendosi con fiducia al mondo interno e alle personali inclinazioni in esso contenute, in tal modo si riesce ad ampliare la propria personalità. Ed è per queste ragioni che secondo lo psicologo svizzero Carl Gustav Jung, aprirsi con fiducia alle proprie vocazioni personali può infondere nuova vitalità e vigore: “ E’ come se un fiume che si fosse perso in un braccio stagnante improvvisamente ritrovasse il suo letto e le sue acque tornassero a fluire, o come se si rimuovesse una pietra che soffoca un seme, cosicché il germoglio possa iniziare la sua crescita naturale. Avere una vocazione nel suo significato originario vuol dire essere guidati da una voce. La voce interiore è la voce di una vita più piena, di una coscienza ulteriore più ampia. ”
 
Attraverso un fiducioso percorso psicologico, allora, è possibile scoprire o riscoprire le proprie inclinazioni personali, per riuscire ad integrarle con equilibrio ed armonia all’interno della personalità globale.

Richiedi una consulenza

Per qualsiasi informazione o per fissare un appuntamento si può contattare direttamente il numero di cellulare 328.0333877. E' inoltre possibile utilizzare anche il sottostante modulo:





Il Dott. Luca Coladarci garantisce il massimo riserbo circa il trattamento dei dati personali acquisiti nello svolgimento della sua pratica clinica (informativa ex D. Lgs. Nr 196/03)

Psicologo a Roma

Il Dott. Luca Coladarci riceve in:
Via Taranto, 34 Roma
Fermate Metro A: SAN GIOVANNI e RE DI ROMA
Fermata Metro C: LODI
(zona San Giovanni, Re di Roma, Tuscolana, Appio Latino, Termini, San Lorenzo, Pigneto)

fermate-metro-studio-psicologo-roma

Leggi tutto...

Chi è lo psicologo

Lo Psicologo è un professionista laureato in Psicologia, abilitato alla professione ed iscritto all'Albo Professionale. Lo psicologo può fare diagnosi, valutazioni ed interventi di prevenzione e consulenza. 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.